Comunicato stampa

Milioni di vite benedette da Latter-day Saint Charities nel 2019

Il rapporto annuale del 2019 descrive il lavoro svolto dal braccio umanitario dei Santi degli Ultimi Giorni

Nel 2019, l’operato di Latter-day Saint Charities in tutto il mondo è arrivato a benedire milioni di persone in 142 paesi e territori attraverso l’attuazione di 3.221 progetti con 2.000 collaboratori. L’organizzazione umanitaria della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni ha comunicato questi e altri dati oggi nel suo Rapporto annuale del 2019.

Latter-day Saint Charities ha portato avanti la sua visione di occuparsi di chi è nel bisogno, di promuovere il volontariato e di incentivare l’autosufficienza in diversi modi:

Risposta alle emergenze: 194 progetti in 64 paesi e territori

Cure oculistiche: 129.819 persone aiutate in 32 paesi e territori

Cure ostetriche e neonatali: 83.555 persone assistite in 27 paesi e territori

Sicurezza alimentare: 181.398 persone aiutate in 15 paesi e territori

Acqua potabile e igiene: 316.790 persone aiutate in 26 paesi e territori

Vaccini: 6 campagne per debellare malattie nei paesi in via di sviluppo

Sedie a rotelle: 52.381 persone aiutate in 41 paesi e territori

Interventi in favore dei rifugiati: 387 progetti in 48 paesi e territori

Progetti comunitari internazionali: 994 progetti in 107 paesi e territori

Progetti comunitari in Stati Uniti e Canada: vari progetti in 42 stati e province

Oltre a essere finanziata dai Santi degli Ultimi Giorni, i quali donano al fondo Aiuti umanitari della Chiesa, Latter-day Saint Charities viene sostenuta anche da altri donatori generosi. Nel 2019, Latter-day Saint Charities ha usato queste donazioni per aiutare persone nel bisogno in tutto il mondo. Questi fondi rappresentano solo una piccola parte dell’ammontare annuale complessivo (circa un miliardo di dollari all’anno) destinato agli interventi umanitari e del programma di benessere. Tale impiego finanziario comprende anche un uso significativo del fondo delle offerte di digiuno della Chiesa, che i vescovi locali utilizzano per aiutare i membri più poveri della loro congregazione.

Dalla nascita dell’organizzazione nel 1985, Latter-day Saint Charities ha stanziato più di 2,3 miliardi di dollari di aiuti in 197 paesi.

   

Tra i principali eventi in cui Latter-day Saint Charities è intervenuta nel 2019 ci sono i cicloni Idai e Kenneth, che hanno causato alluvioni e la conseguente distruzione di raccolti in Mozambico, Malawi e Zimbabwe la primavera scorsa. Lavorando al fianco di collaboratori mondiali e locali, Latter-day Saint Charities ha fornito riparo e cibo a chi è rimasto colpito dalla furia delle tempeste. Naturalmente la ripresa da questi disastri si estende ben oltre le immediate conseguenze. Mesi dopo i cicloni, Latter-day Saint Charities e i suoi collaboratori continuano a riparare e a riammobiliare le scuole prima della stagione delle piogge, così da dare agli studenti un luogo asciutto in cui studiare e imparare.

Riflettendo sull’operato umanitario dell’ultimo anno, la presidentessa di Latter-day Saint Charities, Sharon Eubank, ha detto che un principio fondamentale del lavoro dell’organizzazione è quello di scoprire prima di tutto quello di cui le persone hanno bisogno e poi di mobilitarsi per aiutarle.

“Quando osservi alcuni dei grandi interventi fatti l’anno scorso, come per il ciclone in Mozambico, gli interventi contro le carestie, il lavoro che abbiamo svolto in occasione di vari uragani e cose del genere, il principio fondamentale è andare sul posto e scoprire di che cosa hanno bisogno le persone al momento e di che cosa avranno bisogno in seguito. Dopodiché possiamo adoperarci per soddisfare quelle esigenze”, ha affermato. “Il rapporto annuale riflette parte del lavoro più intensivo che abbiamo svolto sul posto, scoprendo qual era il bisogno reale”.

La sorella Eubank ha inoltre sottolineato l’importanza delle parole “Latter-day Saint” [dei Santi degli Ultimi Giorni] in “Latter-day Saint Charities” [ente benefico dei Santi degli Ultimi Giorni]. Fino ad agosto scorso, l’organizzazione era conosciuta come LDS Charities. Il nome è stato cambiato in Latter-day Saint Charities perché fosse in linea con l’indicazione data dal presidente Russell M. Nelson di usare il nome completo della Chiesa.

“A seguito della sua esortazione a usare il nome completo della Chiesa, siamo diventati Latter-day Saint Charities”, ha dichiarato la sorella Eubank. “Mi piace molto come suona perché è il braccio umanitario dei Santi degli Ultimi Giorni: è finanziato da loro e sono loro che dedicano ore come volontari e generano interesse nella comunità. Quindi, rispecchiamo davvero gli ideali, la forza e le speranze dei Santi degli Ultimi Giorni”.

“Il rapporto annuale è un modo per rendere conto ai Santi degli Ultimi Giorni che hanno donato al fondo umanitario nel modulo della decima”, ha detto la sorella Eubank. “È un modo per dare un riscontro alle persone che hanno dato tanto, così che possano vedere che cosa fanno le loro donazioni”.

Guida allo stile:Quando fate un articolo sulla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, nel menzionare per la prima volta il nome della Chiesa vi preghiamo di riportarlo per intero. Per ulteriori informazioni sull’uso del nome della Chiesa, consultate online la Manuale di stile.