Comunicato stampa

L'anziano Uchtdorf dice ai profughi ucraini in Polonia che Dio è con loro

Afferma che sono esempi di bontà, determinazione e luce per il mondo

Domenica 10 aprile 2022, l’anziano Dieter F. Uchtdorf, membro del Quorum dei Dodici Apostoli de La Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, ha portato ai profughi ucraini in Polonia un messaggio di speranza incentrata su Cristo.

L’apostolo, egli stesso profugo per due volte durante la Seconda guerra mondiale, ha condiviso la luce e la speranza di Cristo con i membri della Chiesa nel corso della giornata. In una riunione tenuta a Varsavia specificamente per i profughi, ha letto dei passi scritturali del Nuovo Testamento che riguardano direttamente la situazione difficile dei profughi. Ad esempio, in Romani 8, l’apostolo Paolo chiede: “Chi ci separerà dall’amore di Cristo? Sarà forse la tribolazione, o la distretta, o la persecuzione, o la fame, o la nudità, o il pericolo, o la spada?”, e poi risponde che nulla può “separarci dall’amore di Dio, che è in Cristo Gesù, nostro Signore”.

Questo passo, ha detto l’anziano Uchtdorf ai profughi ucraini, è “altrettanto vero e attuale quanto lo era 2.000 anni fa. Ed è stato vero durante le molte epoche nel mezzo. […] Concentrarvi su Gesù Cristo vi darà nel cuore la pace per superare tutto questo indenni, in un modo tale che possiate sorridere ai vostri figli. E quando vostro marito, vostro padre, il vostro amico non sono con voi, potete pensare a loro e pregare per loro. E quando sarete nuovamente insieme, direte: ‘Sapevo che sarebbe successo perché credo che accadranno di nuovo cose belle a tutti noi’. E vi accadranno cose belle”.

L’anziano Uchtdorf, tedesco di nascita, ha anche posto l’attenzione sulla storia di Gesù che calmò la tempesta e il mare su richiesta dei Suoi discepoli preoccupati (vedere Marco 4).

“Improvvisamente si alzò una tempesta, come la vostra tempesta ora”, ha detto l’anziano Uchtdorf. “[Che cosa disse Gesù] ai Suoi apostoli [dopo aver placato la tempesta?] ‘Dov’è la vostra fede?’. È difficile, però, in un momento in cui la barca affonda. Ma è quello che disse. E calmò il mare. Quindi, essi impararono la lezione secondo cui devono credere e avere fede”.

L’anziano Uchtdorf ha poi paragonato la situazione dei profughi a quella dei discepoli presso il mar di Tiberiade dopo la morte e la risurrezione di Gesù (vedere Giovanni 21). Gli Apostoli erano demoralizzati. Il loro Messia era morto. Non sapevano che cosa fare.

“Era tutto finito. Le aspettative peggiori si erano avverate. Non riesco a immaginare come si sentivano, così come non riesco a immaginare come vi sentite voi [come profughi oggi]”, ha affermato l’anziano Uchtdorf. “Erano lì, completamente sconvolti, sul lago, che cercavano di pescare — cosa che sapevano fare, erano professionisti — ma non riuscivano a prendere nulla. Dev’essere così che qualche volta vi sentite, adesso. Non potete fare quello che fate normalmente”.

E proprio come Gesù disse a quegli Apostoli di gettare la loro rete dall’altra parte della barca per trovare il pesce, così questi profughi potrebbero dover cercare la luce in modi non convenzionali.

“Siate aperti ad adattarvi”, ha detto l’anziano Uchtdorf. “Sappiate che il Salvatore vi ama. Conosce il vostro sacrificio. È disposto ad abbracciarvi con le Sue braccia, con il Suo amore”.

L’apostolo ha detto ai profughi che essi sono “un esempio di bontà, di determinazione a seguire il sentiero della libertà e a difendere ciò che è giusto, una luce per molte nazioni”. Molte persone, ha dichiarato, li guarderanno e diranno: “Se riescono a farcela loro, possiamo farcela noi”. Li ha incoraggiati a non sottovalutare il potere del loro esempio. “Sappiate che Dio è con voi”, ha detto. “Vi benedirà e alla fine sistemerà le cose, come fa sempre. Forse non secondo i nostri tempi, ma certamente secondo i Suoi tempi”.

L’anziano Uchtdorf ha esortato i profughi a vincere la rabbia con l’amore, a rispondere all’odio con la bontà e a vincere le menzogne con la verità.

“Andate avanti nella vita, confidate in Dio e abbiate fede in Lui”, ha detto. “Vi benedico affinché possiate vedere che la mano del Signore vi guiderà in questa vita”.

Anche la moglie dell’anziano Uchtdorf, Harriet, ha parlato ai profughi dicendo: “So che il Padre Celeste è consapevole di voi. So che Gesù Cristo vi ama, ognuno di voi individualmente. Egli vi ama davvero, […] non siete soli”.

Una profuga, Maryna Bovt, ha detto che la visita dell’anziano Uchtdorf è stata “un grande sostegno per tutto il popolo ucraino”. La presenza dell’apostolo l’ha aiutata a capire che la Chiesa riconosce non solo le necessità del suo popolo, ma anche i loro sentimenti.

Maryna ha anche affermato che i commenti dell’anziano Uchtdorf sono una chiave che la aiuterà a sopportare i giorni difficili che la attendono.

“Sapete, è molto difficile amare tutti, capire tutti, quando la nostra gente soffre”, ha dichiarato. “Capisco che l’unica via è quella di far parte di Cristo”.

I santi in Polonia stanno aiutando i profughi provenienti dall’Ucraina con cibo, acqua, medicine, riparo e altre necessità.

Marcin Kulinicz, un uomo di Varsavia, ha creato una pagina Facebook che ora conta 9.000 persone che sostengono i profughi. Fino ad oggi il suo gruppo ha raccolto abbastanza provviste per sei spedizioni a Leopoli e a Kiev. Ha detto che in questo periodo buio è possibile vedere la mano di Dio grazie alla luce della maggiore fiducia tra le persone.

“Le persone hanno bisogno di fidarsi di più l’una dell’altra in tempo di guerra. […] Io ho avuto bisogno di fidarmi di molte altre persone”, ha affermato, “e molte persone si sono affidate a me, a volte mettendo la loro vita nelle mie mani — oppure quando portavo dei profughi qui in Polonia — e quella dei loro cari. Portavo le mogli e i figli di altre persone”.

Marcin ha detto che è importante ricordare che aiutare i profughi è una maratona, non uno sprint.

“Occuparsi dei profughi di guerra e della ricostruzione in tempo di guerra è un impegno a lungo termine”, ha dichiarato. “Molte persone tendono a concentrarsi sull’opera di volontariato e sui contributi volontari — ed è fantastico — ma questa è una cosa che durerà per anni, e dobbiamo essere preparati per un periodo davvero lungo”.

Un’altra volontaria, Agnieszka Mazurowska di Varsavia, ha detto di essere felice di aiutare e ascoltare.

“Capisco che aiutare significa amare le persone, e io voglio bene a tutte le persone in tutto il mondo”, ha detto. “Quindi, quando vedo una madre sola con i suoi figli, o vedo una donna incinta davanti a me, sento di provare molto amore per lei e per loro e di dover offrire loro sostegno. Questo è il mio dovere. Credo in Cristo, quindi cerco di vivere come Lui, così è questo il modo in cui agisco”.

Guida allo stile:Quando fate un articolo sulla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, nel menzionare per la prima volta il nome della Chiesa vi preghiamo di riportarlo per intero. Per ulteriori informazioni sull’uso del nome della Chiesa, consultate online la Manuale di stile.