Comunicato stampa

La conferenza generale di aprile 2020 “sarà diversa da qualunque altra conferenza”

Tutti i membri e gli amici della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni sono invitati a partecipare alla 190ª conferenza generale di aprile

Chiesa a motivo di un annuncio fatto lo scorso ottobre dal profeta attuale, il presidente Russell M. Nelson.

“L’anno 2020 sarà designato come anno bicentenario. La conferenza generale del prossimo aprile sarà diversa da qualunque altra conferenza. Nel corso dei prossimi sei mesi, mi auguro che ogni membro e ogni famiglia si preparerà per una conferenza unica”, ha affermato.

Il presidente Nelson ha ricordato agli ascoltatori che la primavera del 2020 segna i 200 anni dalla Prima Visione, un evento nel quale i membri credono che Joseph Smith ha avuto un’apparizione divina.  

“Dio Padre e il Suo Figlio diletto, Gesù Cristo, apparvero a Joseph, un giovane di quattordici anni. Quell’evento segnò l’inizio della restaurazione del vangelo di Gesù Cristo nella sua pienezza”, ha detto.

In preparazione per la conferenza, il presidente Nelson ha invitato i membri a leggere il resoconto di prima mano della Prima Visione contenuto in Perla di Gran Prezzo.

Ha anche incoraggiato i membri a riflettere su domande come: “In che modo sarebbe diversa la mia vita se la conoscenza che ho ottenuto tramite il Libro di Mormon mi venisse tolta all’improvviso?”, oppure “In che modo gli eventi che seguirono la Prima Visione hanno fatto la differenza per me e per i miei cari?”.

Il presidente Nelson ha affermato che, se le persone verranno preparate, la conferenza “non sarà soltanto memorabile: sarà indimenticabile”.

Silke Stamminger di Büdingen, in Germania, si è preparata rileggendo il resoconto della Prima Visione e approfondendo la vita di Joseph Smith. Non vede l’ora che giunga il fine settimana della Conferenza generale.

“Mi piace sempre ascoltare quello che i profeti hanno da dirci. Mi dà un senso di sicurezza sapere che abbiamo profeti viventi con cui il Signore parla”.

Alvin Norin di Stoccolma, in Svezia, concorda.

“Non c’è nient’altro di simile in questo mondo. Per me è ovvio che la Conferenza è per tutti, non solo per i membri della Chiesa”, ha detto.  “I discorsi spesso contengono storie interessanti che mi portano a chiedermi: ‘Qual è il messaggio qui?’. Poi scopro che le storie contengono dei significati profondi da cui possiamo imparare”.

Tutti sono invitati a partecipare alla Conferenza. Le sessioni saranno trasmesse in diretta via Internet sulla pagina principale di it.ChiesadiGesuCristo.org sabato 4 aprile e domenica 5 aprile alle ore 18:00 e 22:00, ora centrale europea. La domenica sarà trasmessa un’ulteriore sessione per i membri adulti dagli 11 anni in su alle ore 02:00.  

La Conferenza generale sarà tradotta in 74 lingue in diretta. Parti della Conferenza generale saranno tradotte in 93 lingue totali.   

Perché possano essere studiati dopo la Conferenza generale, i discorsi verranno pubblicati in formato testo, audio e video su una pluralità di canali, tra cui l’applicazione Biblioteca evangelica, YouTube, la sezione dedicata alla Conferenza generale su it.ChiesadiGesuCristo.org, e le riviste della Chiesa.

Per partecipare su Twitter a conversazioni relative alla Conferenza generale, usa l’hashtag #GeneralConference oppure gli hashtag consigliati dagli oratori, oppure semplicemente ritwitta citazioni, video e immagini pubblicati su @Ch_JesusChrist.

Guida allo stile:Quando fate un articolo sulla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, nel menzionare per la prima volta il nome della Chiesa vi preghiamo di riportarlo per intero. Per ulteriori informazioni sull’uso del nome della Chiesa, consultate online la Manuale di stile.