Comunicato stampa

La Chiesa ospite dell’Università La Sapienza di Roma e dell’Università di Bari

L’Anziano Alessandro Dini-Ciacci ha parlato agli studenti di due università italiane.

Mercoledì 9 dicembre l’Anziano Alessandro Dini-Ciacci è stato invitato presso l’Università La Sapienza di Roma per un incontro con gli studenti nell’ambito delle attività della “King Hamad” Chair for interreligious dialogue and peaceful coexistence. L’incontro, organizzato sotto l’egida del professor Carmelo Russo, è stato moderato dal professor Alessandro Saggioro, Dottore di ricerca in Storia Religiosa, e Professore Ordinario di Storia delle Religioni.

Nel corso del suo intervento, l’Anziano Dini-Ciacci ha fatto una breve introduzione su La Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni e ha poi parlato di eventi della storia della Chiesa del passato e del presente che dimostrano l’impegno della Chiesa e dei suoi membri nel dialogo interreligioso e a una convivenza pacifica.

 

L’Anziano Dini-Ciacci ha citato Joseph Smith il quale dichiarò: “Se è stato dimostrato che sono pronto a morire per un [membro della Chiesa di Gesù Cristo], dichiaro con franchezza dinanzi al cielo che sono altrettanto pronto a morire in difesa dei diritti di un presbiteriano, di un battista o di un brav’uomo di qualsiasi altra confessione religiosa, perché lo stesso principio che calpestasse i diritti dei Santi degli Ultimi Giorni calpesterebbe anche i diritti dei cattolici romani o di qualsiasi altra setta religiosa che fosse impopolare e troppo debole per difendersi.”

Ha anche citato il Presidente Dallin H. Oaks della Prima Presidenza, già giudice della Corte Suprema dello Stao dello Utah (USA), il quale ha parlato della necessità di “evitare di partire dalle posizioni non negoziabili o estremiste. Il Presidente Oaks ha detto: “In queste controversie entrambe le parti dovrebbero cercare equilibrio, non una vittoria totale. Per esempio, i credenti non devono cercare di porre il veto su tutte le [questioni] che offendono la loro religione, e coloro che propongono [queste questioni] non dovrebbero cercare di porre il veto su tutte le questioni legate alle libertà di religione che [le] toccano. Entrambe le parti in controversie vitali come queste dovrebbero provare a comprendere le reciproche posizioni e cercare soluzioni pratiche che garantiscano l’equità per entrambe le parti e che nessuna possa dominare completamente.”

Al termine dei 50 minuti dell’intervento dell’Anziano Dini-Ciacci, gli studenti, molto interessati all’argomento, lo hanno trattenuto per altri 40 minuti con domande sulla Chiesa e sui suoi membri.

Sabato 6 febbraio 2021 invece l’Anziano Alessandro Dini-Ciacci è stato ospite in collegamento con l’Università di Bari Aldo Moro per una presentazione di 20 minuti in occasione del Master di Terrorismo, prevenzione della radicalizzazione e integrazione interreligiosa e interculturale, coordinato dalla professoressa Laura Sabrina Martucci, professore aggregato di Diritto ecclesiastico e canonico, e moderato dalla dottoressa Raffaella Di Marzio, direttrice del Centro studi sulla libertà di religione, credo e coscienza (LIREC).

L’Anziano Dini-Ciacci ha parlato dell’importanza di tre aspetti che contribuiscono a prevenire la radicalizzazione, a combattere il terrorismo e a favorire l’integrazione interreligiosa e interculturale: 1) la necessità che ciascuno sia disposto a non rispondere al male con il male; 2) la necessità che ciascuno sia disposto a difendere non solo la propria libertà ma anche quella altrui; e 3) l’importanza di essere disposti ad ascoltare.

La Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni apprezza le opportunità offertele di far sentire la sua voce in difesa della libertà di religione, del dialogo e della convivenza pacifica. La Chiesa è felice che il mondo accademico italiano si adoperi perché questi temi siano oggetto di studio e confronto, come nel caso del Master sulla “Libertà religiosa, libertà di coscienza, diritti e geopolitica delle religioni”, promosso dall’Istituto Avventista di Firenze, che si terrà a breve.

Guida allo stile:Quando fate un articolo sulla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, nel menzionare per la prima volta il nome della Chiesa vi preghiamo di riportarlo per intero. Per ulteriori informazioni sull’uso del nome della Chiesa, consultate online la Manuale di stile.