Comunicato stampa

Nel 2021 RootsTech diventa gratuito e virtuale

Mancano pochi giorni prima che la conferenza di storia familiare più grande al mondo appaia sugli schermi di casa. RootsTech Connect si svolgerà dal 25 al 27 febbraio 2021 come evento online per la prima volta in assoluto. Essendo ospitato da FamilySearch, un’organizzazione senza scopo di lucro sponsorizzata da La Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, le iscrizioni sono totalmente gratuite e aperte a tutti.

Negli anni passati, decine di migliaia di persone per partecipare hanno affollato Salt Lake City, nello stato dello Utah. L’organizzazione ha poi espanso i suoi confini internazionali e ha tenuto una conferenza a Londra a ottobre 2019. A causa della pandemia in corso di COVID-19, RootsTech Connect 2021 sarà interamente virtuale.

Relatori principali dall’Italia e dal Regno Unito, come pure classi offerte in inglese, spagnolo, portoghese, francese, tedesco, italiano, russo e in altre 35 lingue, renderanno l’evento di tre giorni di quest’anno di grande interesse per i partecipanti europei.

RootsTech-2021_aa.jpg
RootsTech Connect 2021 sarà interamente virtuale.© 2021 by Intellectual Reserve, Inc. All rights reserved.
 

“Le classi sono state preparate a livello locale in varie lingue europee da esperti di storia familiare europei”, ha spiegato Paulo Pereira, Direttore marketing di FamilySearch per l’Europa. “Questa è un’esperienza inestimabile che coinvolge tutto il mondo. È concepita per ispirare il singolo partecipante di ciascuna nazione, cultura e lingua”.

Più di 200.000 partecipanti si sono già iscritti da oltre 200 nazioni e territori, tra questi più di 15.000 provengono da 43 paesi europei.

RootsTech Connect 2021 offrirà una combinazione di contenuti sia in diretta streaming che on demand per soddisfare le esigenze dovute alle differenze di fuso orario del suo pubblico globale. Inoltre, saranno rese disponibili sessioni da vedere on demand una volta concluso l’evento.

Per tutta la durata della conferenza, i partecipanti saranno in grado di interagire con i relatori, con gli espositori e con gli altri partecipanti tramite chat in tempo reale e sessioni di domanda e risposta.

“Questa sarà una celebrazione di caratura mondiale delle famiglie, delle culture e delle tradizioni di ciascuna regione del mondo. Ci saranno musica esclusiva, ricette di cucina, cultura e storie presentate dagli utenti di tutto il mondo e in particolare dei nostri paesi europei”, ha detto Pereira. “Unitevi alle centinaia di migliaia di persone da tutto il mondo per questo indimenticabile evento virtuale. Non ve ne pentirete”.

Tra i relatori principali ci saranno Nick Vujicic, autore di bestseller del New York Times e motivatore di livello internazionale, la premiata attrice di serie drammatiche della BBC Sunetra Sarker, e l’italiano Francesco Lotoro, pianista, compositore, direttore d’orchestra e collezionista di musica composta durante la prigionia dell’Olocausto. Altri relatori principali vengono da Australia, India, Uruguay, Messico e Stati Uniti.

Come parte dei festeggiamenti, La Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni ospiterà una “Giornata alla scoperta della storia familiare” con l’anziano Jeffrey R. Holland del Quorum dei Dodici Apostoli e sua moglie, Patricia. Parleranno dell’importanza di collegarsi alla propria famiglia, alla propria patria e ai propri antenati.

Inoltre, l’anziano David A. Bednar, l’anziano Gary E. Stevenson e l’anziano Dale G. Renlund anch’essi del Quorum dei Dodici Apostoli terranno un addestramento per istruire i dirigenti sul lavoro di tempio e la storia familiare. Anche i giovani e i giovani adulti dagli 11 ai 35 anni sono invitati a partecipare a un’attività speciale intitolata “Our Quest for Connection” [la nostra ricerca di collegamenti].

Scopri di più e iscriviti gratuitamente a RootsTech Connect 2021 su RootsTech.org.

Guida allo stile:Quando fate un articolo sulla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, nel menzionare per la prima volta il nome della Chiesa vi preghiamo di riportarlo per intero. Per ulteriori informazioni sull’uso del nome della Chiesa, consultate online la Manuale di stile.